Ultimi Articoli

Non solo mare … un modo alternativo per visitare e conoscere le Cinque Terre

Tempo di lettura: 2 minuti

CINQUE TERRE  – Il nostro territorio non è solo una meta turistica dove la gente può godere di incantevoli paesaggi o di un mare cristallino, ma può diventare anche meta di lunghe attività di trekking percorrendo i sentieri che prevedono diverse tappe a seconda delle scelte.

Quello più famoso è il Sentiero Azzurro, un percorso di circa 12 km che collega Riomaggiore a Monterosso, passando per Manarola, Corniglia e Vernazza: secondo alcuni trekkers sono circa cinque le ore che si impiegano a completarlo tutto ma i tempi potrebbero allungarsi soprattutto se si vuole fare visita ai borghi.

Se vorrete avventurarvi però dovrete acquistare i biglietti con un costo che oscilla tra i 5 ed i 7 euro con diversi checkpoint in cui vi chiederanno di mostrare la prova d’acquisto.

La prima tappa arriva già dopo 1 km giungendo a Manarola percorrendo una strada chiamata “Via dell’amore” che purtroppo, dal 2012, è chiusa a causa di una frana; l’alternativa è il sentiero 531 lungo via Beccara.

La seconda tappa è a Corniglia ma per giungervi la strada è tutta in salita (letteralmente) data la necessità di scalare 1200 gradini ma, una volta giunti a Volastra, la fatica viene ripagata dato che starete per fare una delle parti più suggestive di tutto il sentiero, tra vigneti e macchia mediterranea.

Arriviamo alla tappa numero tre, quella che porta a Vernazza; qui la strada da prendere è conosciuta con il nome di sentiero 587 il quale vi farà arrivare a Gigoletta e alla piccola chiesa di San Bernardino. La parte, pero’, si svolge quasi interamente nel bosco quindi è bene fare attenzione.

Il gran finale è l’arrivo a Monterosso al Mare con un tratto forse tra i più trafficati di tutto il Sentiero Azzurro quindi non scoraggiatevi se dovrete fare qualche coda in mezzo ad altri turisti; anche in questo caso la fatica verrà ripagata dalla vista del mare e dalle onde che si infrangono sulle scogliere.

Quello sopracitato è solo uno dei tanti percorsi del nostro territorio ma se volete spingervi ancora oltre troverete nell’ Alta via delle Cinque Terre pane per i vostri denti come si suol dire. Questa volta si attraverserà in lunghezza tutto il Parco Nazionale avendo come estremi Portovenere e Levanto; non ci sarà bisogno di prendere i biglietti ma i km da percorrere saranno circa 40 con un dislivello in salita di 800 metri.

Ultimo consiglio per godersi ancora di più le Cinque Terre è quello di percorrere i sentieri n° 3, 6, 7 e 8 per fare visita ai suggestivi santuari di Nostra Signora delle Grazie, Nostra Signora della Salute, Nostra Signora di Montenero, Nostra Signora di Regio e Nostra Signora di Soviore a Monterosso.

Sta a voi decidere il percorso più adatto alle vostre esigenze e, a prescindere di quello scelto, ricordatevi l’attrezzatura da trekking.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi