Ultimi Articoli

Sversamento di liquami e avvio turismo, il sindaco di Levanto Luca Del Bello mette in mora Acam-Iren

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

LEVANTO – Dopo l’ennesimo sversamento di liquami in via Garibaldi, il sindaco di Levanto, Luca Del Bello, ha inviato ad Acam-Iren una richiesta di incontro urgente per affrontare subito il problema che sta affliggendo la cittadina rivierasca in concomitanza con la ripresa delle attività turistiche.

“Stiamo affrontando la stagione turistica con arrivi e presenze da record, che già ad aprile e maggio hanno portato la popolazione presente sul territorio a lievitare dai cinquemila residenti ad oltre 20 mila unità – fa notare il primo cittadino – Ma ormai da oltre un mese conviviamo con una situazione della rete fognaria inaccettabile, con periodici sversamenti di liquami in via Garibaldi e nel letto del torrente Ghiararo, tra il ponte di via Trento e Trieste e la foce, e una puzza che toglie il respiro in varie zone del centro. Ringraziamo Acam-Iren per gli interventi tempestivi di bonifica con l’utilizzo di autobotti per lo spurgo delle condotte, ma adesso pretendiamo l’adozione di provvedimenti strutturali che mettano la nostra rete fognaria in condizione di essere efficiente e reggere anche l’aumento estivo delle utenze, fenomeno peraltro fisiologico per una cittadina che fa del turismo la primaria fonte di reddito”.

Il Comune chiede quindi una riunione urgente per pianificare interventi strutturali, ma anche, nel frattempo, una verifica quotidiana dei punti più a rischio per scongiurare ulteriori sversamenti.

“Di sicuro – continua Del Bello – è impossibile affrontare in queste condizioni un’estate che già i dati turistici relativi ai primi cinque mesi del 2022 e le prenotazioni nelle strutture ricettive preannunciano come quella della piena ripresa delle attività con presenze da record. Sarebbe grave se il duro lavoro per innescare la ripresa economica dopo la pandemia effettuato dal Comune e dagli operatori del settore fosse vanificato o depotenziato dall’inefficienza di un’infrastruttura fondamentale per garantire i servizi essenziali come la rete fognaria”.

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi