Ultimi Articoli

Trasporti, accordo tra Comune e Organizzazioni Sindacali: alla Spezia i Rider avranno una sede di lavoro

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 4 minuti

LA SPEZIA – “La Spezia fa scuola nella dignità del lavoro dando una sede ai rider, i lavoratori delle consegne a domicilio che vivono in una situazione di totale precarietà, con poche tutele e diritti”.

Queste la parole del Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini nel presentare l’accordo tra Comune e Organizzazioni sindacali per dare ai Rider una sede di lavoro.

“La situazione dei rider è sotto gli occhi di tutti: sempre in mezzo a una strada con una bici vicino o il motorino, sotto il sole, sotto la pioggia, in attesa di una chiamata per la consegna, senza alcuna differenza fra giorno festivo e feriale, orario diurno e notturno. Non hanno un luogo dove ripararsi, utilizzare il bagno e ricaricare il cellulare che è uno strumento fondamentale per il loro lavoro.

Una situazione che già era allarmante prima, ma che dopo la pandemia è peggiorata ulteriormente: per questo, l’Amministrazione ha ritenuto doveroso fare un accordo con le organizzazioni sindacali dando dignità a questi lavoratori mettendo loro a disposizione una sede in via Padre Giuliani. Il lavoro è fondamentale per la nostra società, nella nostra Costituzione si trova nel primo articolo, ma non può rimanere solo una parola e non possiamo pensare che le forme del lavoro rimangano le stesse, soprattutto a seguito della digitalizzazione e anche della pandemia: dobbiamo impegnarci tutti a dare dignità a ogni lavoratore e La Spezia oggi fa da esempio prendendosi a cuore i “nuovi” lavoratori, le nuove professionalità, come quella dei rider, che purtroppo non godono dei “vecchi” diritti a seguito di un cambiamento repentino della società.

Il lavoro che svolgono i rider è importante perché risponde a una nuova esigenza della nostra società: ricevere il cibo a casa o in ufficio come piacere, e non solo come necessità. Allo stesso tempo, proprio a pari passo, speriamo che nasca una maggiore responsabilità sociale delle imprese di questo settore in ascesa per tutelare veramente questi lavoratori a 360°, non soltanto cercando un guadagno fine a se stesso. In ultimo, ma non meno importante – conclude Peracchini – la valutazione del lavoro dei rider è vincolata all’affidabilità, misurata attraverso le recensioni dei ristoratori e clienti: ecco, come può essere alta la qualità del proprio lavoro se non si ha nemmeno un tetto sulla testa nell’attesa della chiama, vivendo fra una consegna e l’altra sotto la pioggia? Da oggi i rider della Spezia avranno a disposizione una struttura: un piccolo ma fondamentale passo in avanti in un contesto di precarietà, mancanza di tutele e diritti che mi auguro venga presto normato per ripristinare la dignità di questi nuovi lavoratori.”

Alla Spezia le lavoratrici e i lavoratori del settore della consegna dei cibi a domicilio avranno una sede di lavoro al chiuso. Si tratta di un accordo, uno di primi in Italia, fortemente voluto dal Sindaco grazie a una delibera dell’Assessore al Patrimonio Manuela Gagliardi stipulato tra Amministrazione Comunale e Organizzazioni sindacali che hanno voluto, attraverso la possibilità di avere un luogo al chiuso ove attendere di effettuare la prestazione di lavoro, dare “dignità” ad una categoria di lavori troppo spesso dimenticata e che merita di avere pari dignità. Grazie a questo accordo i Rider avranno a disposizione una stanza dei locali siti in Via Padre Giuliani con ingresso indipendente al civico 24/c, destinata ad ospitare le lavoratrici e i lavoratori del settore della consegna dei cibi a domicilio che, a seguito dell’aumento esponenziale del settore negli ultimi anni, necessitano di una sede al fine di garantire ai ciclofattorini di tutte le piattaforme, spazi adeguati forniti di servizi igienici, prese per la ricarica dei telefoni e dei mezzi, connessione e riparo dagli agenti atmosferici, soprattutto in condizioni meteo avverse anche come forma di tutela e promozione dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori impiegati.

“Un provvedimento di civiltà e di diritto del lavoro, che alla Spezia fa scuola in tutta Italia – commenta l’Assessore al Patrimonio Manuela Gagliardi – dare tutela a queste nuove forme di professionalità è doveroso, e l’Amministrazione si è messa subito a disposizione trovando una sede per i rider attraverso un accordo con le categorie sindacali. La società, soprattutto dopo la pandemia, è in continua evoluzione: stanno nascendo nuovi lavori e quindi nuove forme del lavoro che non devono però sfuggire alle maglie dei diritti. Oggi La Spezia tutela i lavoratori più fragili grazie a una sinergia profonda, e ne siamo orgogliosi.”

Hanno presentato l’accordo il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini e i rappresentanti delle OOSS: per la CGIL Fabio Quaretti, per la FIT CISL Bloise Lorenzo, Marco Gaeta Segreteria Territoriale Uiltraporti e i rider Pier Paolo Ritrovati, Michael Callipo e Michelangelo Carpena. Con loro l’assessore al Patrimonio del Comune della Spezia Manuela Gagliardi.

Un provvedimento che riconosce il giusto valore sociale e pubblico del progetto in un settore di  grande espansione che occupa un numero sempre crescente di lavoratori e come forma di tutela del lavoro per gli addetti. I locali saranno oggi interessati da lavori di pulizia e adeguamento e saranno disponibili nelle prossime settimane ad accogliere i lavoratori.

 “Come Cgil abbiamo lavorato mesi assieme ai riders per trovare una loro sede e ringraziamo l’Amministrazione comunale per la sensibilità dimostrata. Il nostro obiettivo è estendere diritti e tutele anche a questi lavoratori che svolgono un lavoro duro e faticoso, che li espone a rischi ed intemperie. Avere una sede in cui riposare, dotata di servizi igienici, è un indubbio passo avanti. Ma non ci fermiamo qui, andremo avanti per ottenere condizioni di lavoro sempre migliori per questi lavoratori” Fabio Quaretti, Segreteria Cgil La Spezia

“Raggiungere questo obiettivo che ci siamo prefissati come Uil, con il contributo di questa Amministrazione e la collaborazione delle altre sigle sindacali, – ha dichiarato Marco Gaeta Segreteria Territoriale Uiltraporti – oltre a dare dignità e il giusto riconoscimento al lavoro dei rider fa si che la qualità del lavoro che queste donne e questi uomini quotidianamente svolgono migliori. Perché oggi i lavoratori del settore avranno finalmente un luogo dove poter andare in bagno, ritemperarsi fra una consegna e l’altra e cosa più importante far sì che si sentano apprezzati e non emarginati. Un segno di civiltà e unione.”

Gli operatori nello spezzino sono un centinaio – dice Francesco Tartarini, Cisl – Seguo i lavori del settore da tempo e si tratta di una grande conquista. Quello del rider è un mestiere delicato, sempre nel traffico e che fa i conti con i tempi delle consegne e il meteo. Adesso ci sarà un punto dove attendere in tranquillità con servizi igienici e punti ricarica”

 

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi