Ultimi Articoli

A SeaFuture le soluzioni per facilitare lo scambio dati nel corridoio La Spezia – Verona

Tempo di lettura: < 1 minuto

All’interno del programma di Seafuture, l’Autorità di Sistema portuale del Mar Ligure Orientale ha presentato il progetto Comodalce, co-finanziato nell’ambito del Programma di cooperazione transnazionale Interreg Central Europe.

Il progetto, illustrato dall’Ingegner Federica Montaresi, è incentrato sui temi cardine del Green Deal, così come stabilito nell’Agenda della Commissione Europea e nelle relative strategie per la mobilità sostenibile e intelligente.

Con attenzione anche su progetti cofinanziati con fondi europei focalizzati sull’interconnessione sostenibile tra i porti ed i retroporti tramite lo sviluppo di strumenti ICT (Information Communication Technology).

L’AdSP (Porti della Spezia e di Marina di Carrara) ha presentato il proprio progetto pilota che consiste nell’applicazione di soluzioni tecnologiche per facilitare lo scambio dati tra gli operatori coinvolti nel corridoio intermodale La Spezia – Verona.  Il progetto, giunto agli ultimi sei mesi di attività, ha coinvolto, oltre al porto della Spezia, i porti di Trieste (capofila di progetto), Rostock, Capodistria e Gdynia, gli interporti di Verona e Budapest.

Nella foto l’Ingegner Federica Montaresi – responsabile Progetti Speciali, Innovazione e Relazioni Esterne dell’AdSP, e in particolare responsabile dello sviluppo del progetto europeo Comodalce nel Porto della Spezia.

 

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi