Ultimi Articoli

Usura e abusivismo, due problemi in evidenza all’incontro “Legalità ci piace” in Confcommercio della Spezia

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Tempo di lettura: 2 minuti

LA SPEZIA – Dalla presentazione in Confcommercio dell’indagine “Legalità ci piace” sui fenomeni illegali e il peso della criminalità sull’economia reale si sono avuti  due spunti meritevoli di rilievo.

Il primo è quello del fenomeno dell’usura che in tempi non facili emerge come rischio. Il pericolo si sa non è un danno certo ma la guardia,  si è convenuto, va tenuta alta. Presente all’incontro introdotto da Vittorio Graziani, presidente Confcommercio Imprese per l’Italia, il Vice Prefetto Vicario della Prefettura della Spezia, Giuliana Longhi ha assicurato che “il fenomeno dell’usura non è particolarmente evidente perché i dati ci indicano che dal 2018 al 2021 non è stato denunciato alcun reato. Non possiamo però ipotizzare che dopo questa crisi non ci siano casi. Bisogna lavorare – ha aggiunto – sulla prevenzione e sulla capacità di associazioni e forze di polizia di diffondere la conoscenza e di cercare di convincere le persone a formalizzare le denunce”. E ha concluso fornendo questi dati: “Negli ultimi anni, dal 2007, abbiamo avuto ad oggi sette domande di accesso al fondo di cui due negli anni 2006 e 2007 definite con la concessione del mutuo, altre due domande nel 2016 e 2017 ed infine nel 2022 sono pervenute tre istanze di usura bancaria.”

Il secondo è quello dell’abusivismo sul quale è intervenuta Karen Nilson, Responsabile Guide Turistiche, su quello che ha definito l’abusivismo per le professioni turistiche un problema si trascina da molto tempo anche perché ci sono gravi carenze normative e la nuova legge che è in Parlamento oltre a portare ad una deregolamentazione del lavoro omette sanzioni per gli irregolari. Ha poi fatto il caso delle Cinque Terre dove agiscono persone senza preparazione con ricadute sulla sicurezza e sull’evasione fiscale.

Alla presentazione sono intervenuti l’assessore Filippo Ivani con delega alla sicurezza e alla Polizia municipale Comune della Spezia che si è impegnato ad affrontare la questione dell’abusivismo turistico a livello di ministro mentre sull’usura ha sostenuto che c’è un problema regolatorio che porta ad avere una rapporto tra prestiti richiesti e non ottenuti molto alto e le persone rischiano quindi maggiormente di dover ricorrere a usurai con problemi di sicurezza e sociali.

Il Commissario Davide Bello della Polizia di Stato, il Comandante della Guardia di Finanza Capitano Benedetto Labianca e il Comandante della Polizia Municipale Francesco Bertoneri hanno sostenuto che è necessario fare squadra che potrebbe essere la chiave per arrivare alla denuncia e che il monitoraggio delle pattuglie sul territorio può aiutare a capire che di fronte a simili problemi non ci si deve nascondere

Tutti i diritti sono riservati

Iscriviti alla nostra newsletter

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra newsletter

Altri Articoli Pubblicati

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi